Archivio per Interviste

WiMax e Petizione, Grillo e Governance

Roma – Telecom Italia, H3G, Tiscali, Ericsson, Feder Utility, Rai Way, Poste Italiane, Associazione AIIP, Brennercom, AEMCom, Teleunit e Infracom sono – secondo il blog WiMax Italia – le 12 entità interessate alle licenze WiMax previste dal regolamento AGCOM. Ma in queste ore emerge il dato che gli italiani altrettanto interessati alle frequenze radio previste per il WiMax sono molti di più: 90.000, e crescono al ritmo di circa 500 nuove firme all’ora, da una settimana.
I firmatari della petizione, di cui PI Telefonia ebbe occasione di parlare lo scorso febbraio, chiedono che il nostro paese si allinei alle risultanze scientifiche, ai pareri degli esperti di ISOC Italia, alle indicazioni della Commissione Europea, garantendo un terzo di frequenze per un uso aperto (open spectrum) ovvero il metodo più flessibile tra i modelli di gestione conosciuti.
In rete è partito il tam-tam, i blog che invitano a firmare la petizione si moltiplicano di ora in ora e ogni blog in più a parlarne è un contributo sostanziale alla riuscita di un imponente esempio di impegno civile: i net-citizen sembrano sempre di più voler relegare i politici al ruolo di meri esecutori della volontà popolare – questo è Governance – ruolo limitativo per chi fino ad oggi è stato invece abituato ad agire attivamente sull’opinione pubblica attraverso i media mainstream (Government). In questi giorni abbiamo rivolto alcune domande ai protagonisti della vicenda, iniziando proprio da Andrea Rodriguez.

WiMAX-Italia.it - Risorse utili e notizie sul WiMAX Italiano

continua su www. punto-informatico.it

vedi anche WiMax e diritto alla conoscenza

Unione Europea: quali prospettive?





Unità a Sinistra





Una sinistra dalle idee semplici

Il 22 a Milano si tenta la svolta

Milano – Non ci sono partiti né coalizioni che fanno da sponsor, c’è solo un insieme dinamico di intelligenze che dentro e fuori della rete ragionano sull’Italia alle prese con la rivoluzione dell’informazione e che trasformano tutto questo in un percorso creativo che troverà il suo primo culmine in un incontro a Milano il prossimo 22 giugno. Condividi la Conoscenza, a cui hanno già aderito tra i tanti anche

personalità del calibro di Stefano Rodotà, Arturo Di Corinto, Alfonso Fuggetta, Stefano Quintarelli, Giuseppe Corasaniti, Paolo Nuti e Andrea Monti, è un laboratorio collaborativo e distribuito che tende a scardinare il muro di gomma di una politica italiana che non riesce a star dietro all’era digitale. Al centro c’è la Società della Conoscenza e la necessità di integrare l’agenda politica con istanze di cambiamento, che sono in via di discussione proprio in questi giorni, anche attraverso il sito ufficiale della manifestazione e il suo forum.
Di un evento di questo tipo occorre capire la forma, i tratti e i contenuti e per questo Punto Informatico ne ha parlato con Fiorello Cortiana, motore dell’iniziativa e, come ben sanno i lettori di questo quotidiano, da sempre attento e critico osservatore del claudicante incedere dell’Italia nella cosiddetta Società dell’Informazione.

continua su www.punto-informatico.it

Rimpasto subito, dimezzare i ministri

Intervista a Fabio Mussi pubblicata su La Stampa il 31 maggio 2007
di Riccardo Barenghi

«E’ una sconfitta elettorale brutta e seria, un colpo durissimo per tutta l’Unione e il governo. Al Nord e non solo al Nord. Bisogna reagire subito, reagire con un colpo di reni».
E quale sarebbe il colpo di reni?
«Non possiamo stare fermi sulle gambe come il pugile che ha appena preso un cazzotto in faccia. Dobbiamo muoverci. E allora io chiedo un’immediata riunione di tutta l’Unione, insomma un vertice di maggioranza che lanci un forte messaggio al Paese».
Di messaggi ne parlano tutti i leader tutti i giorni, il suo quale sarebbe?
«Il mio è molto, molto concreto. propongo una ristrutturazione del governo, un vero e proprio rimpasto. Ma con l’obiettivo di ridurre drasticamente il numero di ministri e sottosegretari. Una pletora da vergognarsi mentre in Francia Sarkozy ha formato un esecutivo di 15 ministri, con dentro sette donne. Questo è il modello che dobbiamo seguire. Ma subito».
E lei sarebbe disposto a lasciare il suo ministero?
«Assolutamente sì, sono a disposizione. Il lavoro che faccio mi piace, ma bisogna che ognuno di noi si metta in gioco se vogliamo reagire».
E questo sul piano dell’immagine, invece sulla sostanza politica cosa cambierebbe?
«Intanto si tratta di un’immagine piuttosto sostanziosa. In ogni caso, mi pare che il governo abbia i motori fermi, trova grandi difficoltà a tenere aperto il dialogo con la società, a sollevare consensi e energie. Penso allora che dovremmo cambiare radicalmente la linea di politica economica e sociale. Contrastando la povertà, sostenendo il lavoro in tutte le sue forme (gli operai hanno salari da fame e i giovani sono tutti precari, ancor di più le donne), spingere sull’innovazione, cioè scuola, ricerca, tecnologia, e riformare la politica, dai suoi costi alla legge elettorale».
Leggi il seguito di questo post »